Stufe elettriche a camino: cosa serve sapere

La stufa elettrica camino (o camino elettrico) è una soluzione di arredamento e riscaldamento particolarmente amata perché unisce il funzionamento di una classica stufa all’atmosfera calda e accogliente di un camino a legna, con una maggiore sicurezza.

I modelli di stufa elettrica camino

Nel catalogo Chemin’arte si trovano stufe elettriche camino di ogni modello, forma e dimensione, che coprono in media 20-30mq. Tutti i nostri prodotti abbinano estetica e performance, grazie ai bassi consumi e alle fiamme LED. Ecco qui i principali modelli:

Camino elettrico Oslo

Lo stile di questa stufa camino è elegante e moderno al tempo stesso, grazie al suo design con i tubi. La cornice è costruita in legno bianco. Non necessita di manutenzione e per farla funzionare basta attaccarla a una presa elettrica. La sua potenza di riscaldamento è di 2000 Watt, ma possiede anche la modalità di risparmio energetico.

Camino elettrico Fire Glass

Questa stufa elettrica possiede l’effetto fiamma 3D, veramente realistica. La sua potenza è regolabile tra due intensità, oltre alla modalità di risparmio energetico. Ha un termostato proprio, quindi si può usare come fonte di riscaldamento secondaria. È disponibile in due colori.

Camino elettrico Vidrio

Questa stufa ha il ripiano retroilluminato, quindi l’atmosfera è assicurata. Anche in questo caso si trovano due livelli di intensità tra cui scegliere, oltre alla modalità di risparmio energetico e il proprio termostato. È disponibile in due colori, per adattarsi a ogni ambiente.

Camino elettrico Helsinki

Questo tipo di stufa elettrica è costruita in vera ghisa, quindi il richiamo allo stile della stufa tradizionale è molto forte. Anch’essa ha due livelli di potenza e la modalità di risparmio energetico, tutto gestibile direttamente dalla canna fumaria e dal termostato autonomo.

Come installare una stufa elettrica

L’installazione di una stufa elettrica camino è molto semplice, perché non richiede opere murarie. Inoltre, tutti i camini Chemin’arte sono consegnati già montati e dotati di un kit per l’installazione. La procedura di installazione richiede pochissimi minuti e si può fare anche da soli, perché basta attaccare la stufa a una presa di corrente e il gioco è fatto.
Una raccomandazione da osservare prima di scegliere qualunque camino riguarda l’impianto elettrico: bisogna controllare che sia abbastanza potente da supportare il consumo del camino, anche quando funziona contemporaneamente con altri elettrodomestici ad alto consumo (forno, lavatrice, lavastoviglie…).

Arredare con una stufa elettrica

Per conferire a un salotto quel senso di intimità in più, il camino elettrico è la scelta perfetta. Si inserisce in ogni stile di arredamento, grazie anche all’ampia gamma di modelli proposti da Chemin’arte.
Ad esempio, una stufa Helsinki può abbinarsi bene a un soggiorno ampio, arredato in stile classico, magari con mobili di arte povera. Per chi ama il minimal, invece, una stufa Vidrio è l’ideale perché apporta una stile più contemporaneo all’ambiente con i suoi giochi di illuminazione, senza perdere di vista la praticità.

I consumi della stufa elettrica

Il camino elettrico ha il vantaggio di riscaldare ogni ambiente in breve tempo. È una valida alternativa ai sistemi classici di riscaldamento, ugualmente soddisfacente. Dal punto di vista dei consumi, le stufe elettriche Chemin’arte hanno due livelli di potenza: il livello massimo consuma intorno ai 2000 Watt (circa €0,30 all’ora), quello minore circa 1000 Watt. Inoltre, sono tutte dotate della modalità di risparmio energetico, con consumi variabili tra 4 e 7 Watt.

Inoltre, è sempre possibile disattivare la funzione di riscaldamento e godersi semplicemente l’effetto delle fiamme LED, risparmiando ancora di più.
Consideriamo, come esempio indicativo, una stufa elettrica che funziona 6 ore al giorno a pieno regime (2000 Watt): il costo mensile per questo utilizzo gira intorno ai €50-55. Ovviamente, il costo mensile varia a seconda dell’utilizzo e della potenza scelta.

Condividi questo articolo su

Chemin'Arte